lunedì 26 settembre 2016

Sambuceto e Alba Adriatica pareggiano il loro incontro di Eccellenza e il risultato finale rispecchia quasi fedelmente i valori espressi in campo dalle due squadre. Nel primo tempo infatti i teramani mostrano il perché si sono presentati alla Cittadella dello Sport da “capolista” del massimo campionato regionale, mentre nella ripresa i viola di casa dimostrano, in maniera altrettanto chiara, perché sono ancora imbattuti in stagione e perché stazionano in un ottima posizione.
Gli ospiti partono forte e al minuto numero 10 ottengono un penalty per atterramento di Liquori proprio nei pressi del limite dell’area. Dal dischetto si presenta Lazzarini che trafigge Palena con un tiro centrale che vale lo 0 a 1. L’azione dell’Alba Adriatica non si esaurisce, dato che due minuti dopo Palena è chiamato al miracolo sulla linea sugli sviluppi di un colpo di testa avversario dopo un corner dalla destra. I rossoverdi provano a colpire anche in contropiede, ma al 23esimo il cross basso di Lazzarini non viene sfruttato al meglio da Veccia, che spara alto. La prima occasione del Sambuceto si verifica alla mezz’ora, con Cinquino servito da destra che spara a botta sicura ma il suo tiro viene respinto in spaccata da un difensore in corner. Nella prima frazione è però l’Alba Adriatica a tenere in mano il pallino del gioco, e a chiudere meritatamente in vantaggio. Nella ripresa, però, l’inerzia della gara diventa diametralmente opposta, con i ragazzi di Tatomir che salgono in cattedra, e col mister che manda subito in campo parte dell’artiglieria pesante, inserendo Maraschio come nuovo terminale offensivo. Vaccaro e il bomber neo entrato timbrano le prime azioni pericolose dalle parti di Petrini. Il primo al 47esimo si invola a tu per tu col portiere, ma il suo tiro viene respinto in corner, mentre il secondo due minuti dopo gira al volo dal limite con la sfera che termina alta di poco. Al 58esimo azione da moviola, con Vaccaro che viene atterrato in area e tutti i viola reclamano la concessione del rigore, ma il signor D’Amore vede una simulazione dell’attaccante e lo ammonisce. L’appuntamento con il pareggio è però rimandato di soli 2 minuti, poiché Maraschio gira nuovamente al volo su angolo dalla destra e insacca la rete dell’1 a 1.
Al 67esimo è un altro neo entrato nei viola a far scorrere un brivido lungo la schiena di mister Di Serafino. Il giovanissimo viola scuola Pescara si esibisce in un gran tiro a giro dalla sinistra, chiamando Petrini all’intervento prodigioso per togliere la palla dal sette alla sua sinistra. Al 78esimo i padroni di casa restano con un uomo in meno, con Vaccaro che, dopo l’ammonizione rimediata per la presunta simulazione, becca il secondo giallo per un fallo sulla trequarti. L’inferiorità numerica non scalfisce però la veemenza dell’azione del Sambuceto, che un minuto dopo passa addirittura in vantaggio sempre grazie al bomber Maraschio. L’attaccante pugliese capitalizza nuovamente al meglio un cross proveniente dalla destra, schiacciando di testa in rete sul secondo palo per il 2 a 1. Ferita nell’orgoglio, e con il risultato ribaltato, l’Alba Adriaica prova a rifarsi sotto, e a 7 minuti dalla fine è Conversano a salvare i suoi sulla linea. Sul calcio d’angolo susseguente, però, gli adriatici trovano il pareggio con Sacchetti. Una gara scoppiettante si chiude quindi con il punteggio di 2 a 2, con due squadre apparse in un momento di forma smagliante e che mostrano ancora una volta che l’imbattibilità e i punti conquistati fino a questo momento sono ampiamente meritati. Qui di seguito il tabellino dell’incontro:

SAMBUCETO CALCIOALBA ADRIATICA 2-2

SAMBUCETO CALCIO: Palena, Direttore (1’ st Maraschio), Giancristofaro, Beniamino, Cinquino, Conversano, Alberico, Gelsi (29’st Antonini), Vaccaro, Nardone, Barbacane (8 st Tinari).
A disposizione: Prosini, Cialini, Di Francesco, Rossi Finarelli.
Allenatore: Alessandro Tatomir.

ALBA ADRIATICA: Petrini, Tarquini, Calvaresi (36’ st Cerasi), Veccia, Adamoli, Sacchetti, Clementoni, Florimbj, Lazzarini, Liquori (19’ st Fabrizi), Antonacci (26’ st Di Nicola).
A disposizione: Spinelli, Tarquini A., Floglia, Ianni.
Allenatore: Pasqualino Di Serafino

Arbitro: Roberto D’Amore (Sulmona)

Reti: 11’ pt rig Lazzarini (A), 15’ st e 34’ st Maraschio (S), 38’ st Sacchetti (A)

Ammoniti: Giancristofaro e Vaccaro (S), Adamoli (A)


Espulso: Vaccaro (S) per doppia ammonizione

sabato 23 luglio 2016

Raduno ufficiale e inizio della preparazione per la stagione 2016-17 per il Sambuceto Calcio. I ragazzi di mister Tatomir hanno iniziato a lavorare e sudare nel pomeriggio di venerdì 22 luglio alla Cittadella dello Sport. Ma le prime “fatiche” stagionali sono state affrontate con un grande sorriso da parte di tutti, e soprattutto con un’ottima notizia che ha da subito fornito una spinta in più per iniziare la preparazione alla grande: il Sambuceto è stato infatti ufficialmente ripescato in Eccellenza.
Si riparte quindi dal massimo campionato regionale, conquistato con una cavalcata trionfale poco più di un anno fa, e inizialmente perso nella finale playout col Montorio 88. Alla luce di questa lieta notizia, ecco le parole del presidente Sandro Cacciagrano: «La soddisfazione è grande per questo risultato. Penso che sia il giusto premio per una società che lavora tanto, anche al di là dei risultati del campo. Ci aspettavamo il ripescaggio ma non eravamo sicuri, quindi siamo contentissimi di questo esito positivo. L’anno scorso il campo ci ha dato torto, e probabilmente abbiamo pagato la poca esperienza nella categoria. Quest’anno cercheremo di non commettere gli stessi errori».
E la prossima stagione ripartirà con tanti volti nuovi, a partire dal nuovo allenatore, Alessandro Tatomir: «Abbiamo smantellato e rifondato la squadra, chiudendo praticamente un ciclo», spiega il presidente, «credo che abbiamo commesso tutti degli errori. Abbiamo scelto un ottimo mister per guidare la squadra, e il primo obiettivo è che i ragazzi si divertano. Bisogna infatti sempre tener presente che questo è un gioco, e quindi il divertimento deve essere alla base di tutto. Per quanto riguarda gli aspetti prettamente sportivi, quest’anno puntiamo a una salvezza tranquilla, con l’obiettivo di partire da questo spunto per restare tanti anni in Eccellenza. In questo contesto, gli errori e i passi falsi fatti in passato ci serviranno comunque come esperienza».
Infine, il numero uno della società viola chiama in causa direttamente ai sambucetesi e agli amanti di questo sport: «Vorrei rivolgere un appello alla cittadinanza, affinché stia vicina alla squadra. Chiediamo infatti ai tifosi di darci una mano sia a livello fisico che economico, perché l’Eccellenza richiede dei sacrifici. Vogliamo che i nostri sostenitori siano vicini alla squadra e che vengano a seguire le partite, in modo tale da risultare determinanti come apporto così come avvenuto in altre piazze».
Qui di seguito l’elenco dei giocatori convocati per il raduno del Sambuceto:
Palena
Prosini
Baldassarre
Conversano
Cinquino
Direttore
Tonelli
Di Carlo
Alberico
Postiglione
Toracchio
Capitanio
Potaqui
Spinello
Beniamino
Tinari
Barbacane
Di Francesco
Caporale
Sparvoli
Vaccaro
Nardone
Rossi Finarelli
Crecchia
Camperchioli
Fagianini
D’Azzeo
Gialloreto
Abbonizio

giovedì 14 luglio 2016

Sambuceto, Il Sambuceto Calcio celebra un nuovo gradito ritorno: Daniele Vaccaro è infatti ufficialmente un nuovo giocatore viola. L’attaccante torna alla Cittadella dello Sport dopo l’esperienza nello Spoltore, culminata a livello di squadra con la vittoria del campionato di Prima Categoria e l’accesso in Promozione, e a livello personale con il titolo di capocannoniere del girone, con ben 30 reti messe a segno (impreziosite ulteriormente dal fatto che nessuno dei gol è stato realizzato su rigore).
Il Sambuceto riabbraccia quindi quello che può essere definito come un vero e proprio “talismano”. Nelle ultime due stagioni, infatti, Vaccaro ha vinto entrambi i campionati (il primo con la conquista dell’Eccellenza a Sambuceto, e il secondo, appena citato, con lo Spoltore).
«Quando mi hanno contattato i dirigenti del Sambuceto ero molto curioso di affrontare questa nuova esperienza. Al momento non sappiamo ancora se sarà Promozione o Eccellenza, ma spero vivamente che giocheremo nel massimo campionato regionale. Per me sarebbe la prima volta, e quindi spero di partecipare all’Eccellenza con questa grande squadra e questa grande società».
E l’attaccamento dell’attaccante ai colori viola si evince anche dall’entusiasmo con il quale si è tuffato in questo “ritorno” sambucetese: «Sambuceto è una sorta di famiglia per me, ed è come se fossi tornato a casa mia. Per questo motivo voglio ringraziare tutta la dirigenza per avermi dato l’opportunità di tornare, e in particolare il direttore sportivo Gabriele Liberatore che mi ha rivoluto fortemente in viola».
Vaccaro alla Cittadella dello Sport troverà il nuovo allenatore Tatomir: «Ho sentito il mister in questi giorni, anche se non ho mai avuto il piacere di averlo come allenatore. Posso dire però di essere molto motivato e curioso di poter lavorare con lui, perché tutti in giro mi dicono un gran bene di mister Tatomir».

sabato 9 luglio 2016

Sambuceto. A poche ore dal gradito ritorno del bomber Rossi Finarelli e dall’importante conferma di Beniamino, il Sambuceto Calcio ufficializza un nuovo colpo. Questa volta, dopo l’attacco e il centrocampo, a beneficiarne è il comparto difensivo viola, che da oggi può contare sul prezioso apporto di Marco Conversano. Il centrale classe 1987 giunge alla corte di mister Tatomir dal Miglianico.
Alla Cittadella dello Sport arriva quindi un poderoso difensore, che porta in dote i suoi ben 190 centimetri di statura e una buona affinità anche con la rete. Il “vizio del gol”, pur essendo un difensore, ha fruttato ben 5 marcature nella scorsa stagione per Marco Conversano. Il nuovo baluardo della retroguardia sambucetese conosce bene mister Tatomir, pur non avendolo mai avuto come allenatore.
«Mi piaceva il progetto», così spiega il neo acquisto la trattativa che lo ha portato a vestire la maglia del Sambuceto, «e mi hanno fatto davvero una buona impressione tutti, dai dirigenti al mister e anche il presidente in entrambi gli incontri che abbiamo avuto».
E Conversano si mostra anche già carico per questa nuova avventura in viola: «L’auspicio è quello di fare bene il più possibile. So che la squadra che società e staff stanno allestendo è competitiva, e questo mi fa ulteriormente piacere».

giovedì 7 luglio 2016

Sambuceto. Colpo in attacco per il Sambuceto. Matteo Rossi Finarelli torna in viola dopo la parentesi alla Cittadella dello Sport della scorsa stagione. La società del presidente Cacciagrano, dopo aver già concluso diverse trattative in entrata nella scorsa settimana, ufficializza un importante innesto anche nella corsia centrale dell’attacco. L’esperto bomber torna così a vestire il viola dopo le cinque reti siglate nello scorcio dello scorso campionato e a Sambuceto ritrova mister Tatomir, con il quale aveva già lavorato a Miglianico. E proprio sul rapporto tra l’attaccante e il nuovo allenatore, è lo stesso Rossi Finarelli a svelare un retroscena sulla trattativa che lo ha portato nuovamente in terra sambucetese nonostante le numerose proposte ricevute: «Gran parte del merito del mio ritorno è di mister Tatomir. Ci siamo sentiti quando è arrivato a Sambuceto, e appena mi ha chiesto la disponibilità ho detto subito di sì. Con la dirigenza viola posso dire che non c’è stata quasi trattativa, non ho mai avuto alcun problema con loro nemmeno durante la scorsa esperienza, quindi è bastata una stretta di mano per ufficializzare il mio ritorno. Posso dire che si è trattato di una scelta di cuore, per ripartire insieme»
Sotto la guida di Tatomir, Rossi Finarelli ha già dato ampia dimostrazione dell’affiatamento con gli schemi dell’allenatore romano. Ne sono la dimostrazione i ben 18 centri realizzati nell’annata vissuta insieme a Miglianico: «Il mister rappresenta una garanzia per me», aggiunge il nuovo terminale offensivo dello scacchiere dell’ex centrocampista del Chieti, «Con lui possiamo fare bene a Sambuceto».
E se l’esperienza del neo bomber viola potrà sicuramente giovare alla fase della “finalizzazione”, anche nella zona nevralgica del campo si segnala un’importante conferma. Tiziano Beniamino anche il prossimo anno vestirà la casacca sambucetese. Le “chiavi” del centrocampo viola saranno nuovamente affidate alla tecnica di uno dei giocatori più positivi della scorsa stagione, autore, tra l’altro, di un gol da cineteca contro l’Angolana a domicilio. Con queste due operazioni appena concluse, continua quindi a prendere forma il Sambuceto formato 2016-17, in attesa che venga ufficializzato l’esito del ripescaggio in Eccellenza.

domenica 3 luglio 2016

Sambuceto. In attesa di conoscere l’esito dei ripescaggi in Eccellenza, il Sambuceto Calcio continua a lavorare nell’allestimento della squadra che affronterà il prossimo campionato. Dopo aver ufficializzato in panchina l’arrivo di Alessandro Tatomir, è il momento dei primi acquisti. Sono infatti ben 7 i colpi appena messi a segno dal sodalizio del presidente Sandro Cacciagrano. Partendo dalla retroguardia, il primo arrivo in casa viola è quello di Alceo Palena. Per l’esperto estremo difensore classe 1983 si tratta di un ritorno a Sambuceto, squadra con la quale aveva iniziato la stagione scorsa, e che è stato fortemente voluto dal nuovo tecnico, con il quale ha lavorato in passato a Miglianico.
Accanto a Palena agirà Mirko Prosini, portiere classe 1987, reduce dalla finale playoff con il Tre Ville.
Sempre per quanto riguarda il comparto difensivo, il Sambuceto si rinforza con l’arrivo di Andrea Cinquino, centrale classe 1991, reduce da sei stagioni a Miglianico, e prelevato dalla Renato Curi Angolana, squadra nella quale ha militato lo scorso anno. Anche Cinquino conosce già Tatomir avendo lavorato con il tecnico ai tempi del Miglianico. Sulla linea mediana, dal Morro d’Oro arriva alla Cittadella dello Sport Luigi Potacqui. Il centrocampista nato nel 1986 rappresenta un mediano di qualità per lo scacchiere viola, la cui sicura affidabilità è certificata anche dalle esperienze importanti avute dal calciatore con le maglie di Maceratese, Isola Liri e Giulianova.
Un’altra vecchia conoscenza dell’allenatore Tatomir che giunge a Sambuceto, sempre per quanto riguarda il centrocampo, è Alessandro Cardone. Il centrocampista classe 1993 nella scorsa stagione ha militato a Francavilla e a Cupello, e ha già lavorato agli ordini del mister a Miglianico.
Passando alle “ali”, i viola arricchiscono il proprio organico con l’innesto di Luca Sparvoli. Coetaneo di Cardone, Sparvoli ha impressionato tutti nella stagione appena conclusa, e sono i numeri a parlare in suo favore. Con 45 reti realizzate (con la maglia della Fater, in Prima Categoria), il giovane talento è stato il giocatore più prolifico dei campionati dilettantistici a livello regionale.
Il comparto offensivo del Sambuceto formato 2016-17 potrà contare inoltre sull’apporto di Alberto Nardone (1991), cresciuto nel settore giovanile del Pescara, e proveniente dal Francavilla. A questi sei acquisti si aggiunge anche Michael Caporale, che rientra dal prestito al San Giovanni Teatino. Per quanto riguarda infine le conferme, resteranno alla corte di mister Tatomir i due fuoriquota Lorenzo Zaccagnini e Lorenzo Alberico i quali, nonostante le numerose offerte ricevute, hanno scelto di “sposare” la causa viola anche per la prossima stagione.
Nonostante i numerosi colpi già messi a segno, il mercato del Sambuceto continua a essere in grande fermento, e lo staff e la dirigenza continuano a essere all’opera per cercare i “tasselli” giusti per una squadra competitiva. A tal proposito, nei prossimi giorni potrebbero essere annunciate nuove conferme e ulteriori acquisti.

sabato 25 giugno 2016

Sambuceto. La preparazione per la nuova stagione parte sicuramente dalle basi, e in questo il Sambuceto ha già scelto il proprio “timoniere”, ossia Alessandro Tatomir. Dal canto suo il tecnico ha sposato con entusiasmo il progetto viola, mettendosi immediatamente all’opera in vista della prossima stagione. «Sono contento», sono le sue prime parole da neo allenatore del Sambuceto, «e spero di ripagare la fiducia che mi è stata accordata».
E la scelta di mister Tatomir di entrare a far parte della “famiglia” viola è stata fatta a prescindere dalla categoria di appartenenza. Il Sambuceto dovrebbe infatti disputare il campionato di Promozione, ma allo stesso tempo è in attesa dell’esito dei ripescaggi in Eccellenza. Una “incertezza” che però non ha incrinato minimamente il pensiero di Tatomir: «Quando c’è un’idea, che la categoria sia Eccellenza o Promozione, non fa differenza. L’idea di squadra c’era infatti a prescindere dalla categoria».
L’idea di squadra che ha in mente il nuovo allenatore, in base anche agi input della società, sembra essere già chiara anche se il lavoro è solamente all’inizio: «Vorremmo costruire una squadra che abbia voglia di mettersi in mostra. Nel caso in cui si disputi il campionato di Eccellenza, l’obiettivo che la società mi ha indicato è quello della salvezza da raggiungere possibilmente senza grossi patemi».
Il pensiero del tecnico passa poi all’analisi di aspetti più propriamente tattici e relativi agli “uomini” che potrebbero far parte del nuovo scacchiere viola e che potrebbero scendere in campo sul sintetico della Cittadella dello Sport nella prossima stagione: «Credo che sia un po’ presto per sbilanciarsi su eventuali moduli e schemi, ma penso che partiremo con una linea a quattro in difesa. Su centrocampo e attacco stiamo valutando, ma al di là del modulo e dei numeri, l’importante è avere un’identità precisa. Sulla squadra da creare siamo al lavoro insieme alla società. Abbiamo già in testa degli obiettivi, e cercheremo di raggiungerli col tempo. Stiamo lavorando da pochissimo, ma abbiamo già gettato le basi per farci trovare pronti».

Sponsor

Powered by Blogger.

Sponsor

Popular Posts