martedì 8 luglio 2014

Nicola Zirpolo
Partita ufficialmente la stagione della Folgore con il nuovo organigramma societario. Tra i volti nuovi, Nicola Zirpolo, team manager e direttore tecnico: «Agirò da filtro costante tra staff tecnico e società»

La Folgore Sambuceto SP ha da poco inaugurato la stagione con l’ufficializzazione del nuovo organigramma societario e con i primi movimenti di mercato. Le novità principali in società riguardano Sandro Cacciagrano, il quale è stato scelto come successore di Augusto Di Francesco nel ruolo di presidente, e la conferma di SO.GE.T. Srl Autotrasporti di Pescara come sponsor ufficiale per il 2014-2015.
A livello di rosa, invece, oltre alle numerose conferme dei calciatori che hanno disputato l’ottimo campionato appena terminato, sono stati resi noti i primi 3 “colpi” di mercato. Si tratta, nella fattispecie, dell’attaccante Simone Di Nardo, che torna nuovamente a vestire i colori viola dopo l’esperienza alla Flacco Porto dell’ultima stagione. Oltre al suo “ritorno”, la Folgore ha messo a segno anche due importanti innesti per quanto concerne il comparto dei fuoriquota. I due giovani talenti appena approdati a Sambuceto sono Diego Spadaccini, esterno d’attacco classe 1995, proveniente dal Giulianova, e Daniele Corneli, difensore laterale destro del 1996, proveniente dal girone A di Promozione, nel quale ha vestito la maglia dell’Hatria. Tra i volti nuovi che sono entrati a far arte della “famiglia” della Folgore, spicca inoltre quello di Nicola Zirpolo, il quale andrà a ricoprire il ruolo di team manager e direttore tecnico: «In pratica – annuncia il nuovo dirigente – avrò il compito di intercedere tra squadra e società. Il mio sarà quindi un ruolo di “filtraggio” costante e quotidiano tra lo staff tecnico e quello societario». Anche in questo caso si può parlare di una sorta di “ritorno” per i viola, seppur in una nuova veste: «In effetti da piccolo ho fatto parte delle giovanili della Folgore – conferma Zirpolo – ma sicuramente le qualità che posso esprimere “dietro una scrivania” sono di gran lunga superiori a quelle prettamente tecniche che avevo da calciatore». Ironia, competenza e voglia di mettersi in gioco sono solamente alcune delle qualità che hanno spinto la società a puntare sul nuovo team manager, fortemente voluto, tra gli altri, dal direttore sportivo Liberatore: «Sono contentissimo di entrare ufficialmente a far parte della Folgore, perché ho un ottimo rapporto con tutta la dirigenza. In particolare – rivela il direttore tecnico – il legame di amicizia che ho con il ds Liberatore va anche al di là degli aspetti prettamente calcistici». Idee chiare anche per quanto riguarda i motivi che hanno spinto Zirpolo a “sposare” la causa della squadra di Sambuceto: «La Folgore mi ha subito convinto perché la ritengo una chimera, una sorta di “mosca bianca” anche rispetto alla realtà circostante: qui ci sono organizzazione e prospettiva, due aspetti che ritengo imprescindibili per costruire una società sana e con un futuro solido. Dal mio canto – aggiunge il dt – sono pronto a dare una mano e ad aiutare, nei limiti delle mie competenze, una realtà che già rasenta la perfezione per quanto dimostrato fino a ora». In caso di eventuale ripescaggio, Zirpolo potrebbe “ritrovare” l’Eccellenza che aveva lasciato qualche anno fa a Montesilvano: «A prescindere dall’esito finale dei ripescaggi, noi ci stiamo preparando a fronteggiare entrambe le soluzioni. Se dovesse essere Eccellenza, l’obiettivo sarebbe quello di “mantenere” la categoria in un campionato completamente “nuovo”. Nel caso in cui dovessimo disputare il campionato di Promozione – sottolinea il team manager – proveremmo a inserirci nella griglia play-off, grazie a un organico composto dal cosiddetto “zoccolo duro” che ha ben figurato nella scorsa stagione, e a molti giovani innesti di grande valore e prospettiva».

0 commenti:

Posta un commento

Sponsor

Powered by Blogger.

Sponsor

Popular Posts