mercoledì 17 settembre 2014

Matteo Alfini
Il giovane terzino Alfini, al terzo anno a Sambuceto: «Col Silvi ci è mancato solo un pizzico di lucidità sotto porta. Domenica a Cepagatti col Torre Alex ce la giocheremo fino alla fine».

È un classe 1995 e, anche se ha solamente 19 anni, rappresenta quasi un “veterano” della Folgore. Matteo Alfini, esterno basso di fascia sinistra dei viola, è infatti già al suo terzo anno da protagonista a Sambuceto. Dopo l’ottima stagione scorsa, nella quale è stato tra i migliori terzini del campionato, il giocatore è stato ampiamente confermato nel blocco difensivo viola di quest’anno. E, già dalle prime uscite stagionali, ha iniziato a ripagare la fiducia riposta dalla società nei suoi confronti con buone prestazioni e una personalità non indifferente per un fuoriquota.
Domenica scorsa è stato infatti tra le note più positive di giornata nel pareggio casalingo a reti bianche della Folgore contro il Silvi: «Ci è mancato solamente un pizzico di lucidità in più sotto porta – analizza Alfini – Per tutto l’arco dei novanta minuti abbiamo tenuto il pallino del gioco e creato numerose occasioni, senza riuscire però a finalizzarle».
Il terzino si sofferma poi sulla squadra e sui suoi nuovi compagni: «Per quanto riguarda il gioco, è cambiato poco o nulla rispetto allo scorso anno, poiché alla nostra guida è rimasto il mister Bianchi. A tal proposito – ci tiene a sottolineare il calciatore – ho notato che i nuovi arrivati si sono già integrati molto bene sia a livello di gruppo che tatticamente. Certo, è ovvio che possiamo e dobbiamo fare sempre meglio, ma credo che col tempo tutti i meccanismi possano diventare quasi automatici».
Dopo due turni di campionato, l’unica formazione a punteggio pieno, a quota 6 punti, è la Virtus Ortona. Una prima “mini-fuga”, quella della formazione ortonese, che di certo non rappresenta una sorpresa agli occhi di Alfini: «La Virtus Ortona è certamente una delle formazioni più gettonate per arrivare fino in fondo e vincere il campionato, ma non è l’unica. Ci sono anche altre squadre insidiose che si candidano per un campionato di vertice. Di sicuro, però, è una delle compagini da battete nel girone B di Promozione, e se vogliamo dire la nostra in ottica play-off, non possiamo non tenerne conto».
La Folgore, con 2 punti all’attivo in altrettante giornate, e ancora imbattuta in questa stagione, ma allo stesso tempo, resta in attesa per la prima vittoria in campionato. Domenica prossima il calendario prevede la trasferta di Cepagatti contro il Torre Alex, altra formazione senza sconfitte nei primi due impegni stagionali, attualmente a quota 4 punti in campionato: «Il prossimo fine settimana ci aspetta una partita difficile contro una squadra attrezzata e che sta già dimostrando il proprio valore. Dal canto nostro – conclude Matteo Alfini – potremo contare su un campo simile al nostro, dato che si giocherà sul sintetico. Andremo lì quindi per giocarcela fino alla fine, e possibilmente per riuscire a portare a casa l’intera posta in palio».

0 commenti:

Posta un commento

Sponsor

Powered by Blogger.

Sponsor

Popular Posts