domenica 9 novembre 2014

FOLGORE SAMBUCETO: D’Ettorre, Corneli, Alfini, Di Martile, Briosci, Silvaggi, Fedele (dal 25' s.t. Fusella), Calabrese, Maraschio (dal 11' s.t. Di Nardo), Vaccaro (dal 35' s.t. Di Fazio), Montagna. A disposizione: Cauti, Di Rito, Di Serio, Di Bartolomeo. Allenatore: Franco Bianchi.

PASSO CORDONE: Chessari, Cocco N., De Leonibus, Chichiriccò, Di Quinzio, Scariti, Cocco C. (dal 35' s.t. Di Carlo), Buonvivere (dal 11' s.t. Falone), Sabatini, Zaccagnini (dal 31' s.t. Iampieri), Mucci. A disposizione: Lattanzio, D'Alessandro, Serafini, Acconciamessa. Allenatore: Leone

Arbitro: Antonio Romanelli di Lanciano
Rete: 28' pt Vaccaro
Espulso: Chichiriccò (P.C.) per doppia ammonizione
Ammoniti: Briosci, Fedele (Folgore S.), Chichiriccò (Passo C.)

La Folgore torna al successo (il secondo in questo campionato) davanti al proprio pubblico, e lo fa nell'impegno più "difficile" della stagione, ossia battendo la capolista Passo Cordone. Gli uomini di Bianchi affondano nel primo tempo e nel secondo, con grande cuore e spirito di sacrificio, mantengono ancora una volta inviolata la propria porta (per la settima partita consecutiva). L'incontro alla Cittadella dello Sport, come da pronostico, si rivela combattuto e tra due compagini che sicuramente aspirano a ruoli da protagonisti nel girone B di Promozione. La formazione di Leone si mostra subito alta e aggressiva in fase di non possesso con il trio d'attacco formato per ben due terzi da ex giocatori viola, ossia Christian Cocco e Mucci nelle posizioni di esterni, a supporto della punta centrale Sabatini. Sul fronte opposto, Bianchi schiera sulle ali Montagna (a sinistra), e Fedele, match-winner domenica scorsa nel derby contro la Delfino Flacco Porto, sulla destra. I primi minuti di gioco scivolano quindi via veloci con due formazioni "frizzanti" e pronte a sfruttare il proprio gioco, ma che non riescono a creare grossi pericoli per gli estremi difensori opposti. Al minuto numero 28 ci pensa però Vaccaro a spaccare l'equilibrio del match. Nonostante l'inferiorità numerica per la momentanea assenza di Silvaggi (a bordo campo per una ferita alla testa subita in uno scontro di gioco), l'attaccante viola si esibisce in un diagonale al millimetro sulla respinta corta della difesa ospite, e piazza la palla nell'angolino opposto beffando Chessari per l'uno a zero.
Il vantaggio della Folgore "sveglia" i rossoblu, che immediatamente provano a riequilibrare l'incontro. Gli ospiti trovano però sulla loro strada la "granitica" difesa dei viola, composta dai due centrali, il capitano Briosci e Silvaggi (rientrato in campo stoicamente nonostante una vistosa fasciatura sul capo), e dal portiere D'Ettorre.
In particolare quest'ultimo sale in cattedra con alcuni interventi al limite del prodigioso e riesce a respingere gli assalti del Passo Cordone. Un minuto dopo il gol viola, il numero uno di casa si esibisce infatti prima in una respinta bassa e poi in un balzo felino sotto la traversa sulla seconda conclusione ravvicinata degli avanti rossoblu, mandando la sfera in corner. Pochi minuti dopo sempre D'Ettorre vola a respingere il tiro a colpo sicuro di Sabatini dal limite dell'area piccola, abbassando ancora una volta la saracinesca alle sue spalle. Al 38esimo gli ospiti sfiorano la rete sempre con Sabatini su cross dalla sinistra: il colpo di testa dell'attaccante sibila però vicino al palo alla destra di D'Ettorre e si spegne sul fondo.
Nel recupero della prima frazione Montagna ha per ben due volte l'occasione di arrotondare il vantaggio per la Folgore, ma in entrambi i casi il giovanissimo giocatore viola pecca di eccessivo "altruismo", cercando di mettere la palla al centro per un compagno piuttosto che provare la conclusione diretta a rete. Il primo tempo si conclude così sull'uno a zero per i padroni di casa. All'inizio della seconda frazione i viola cercano di amministrare il vantaggio avanzando il proprio baricentro nella metà campo ospite, ma col passare dei minuti la stanchezza comincia a farsi sentire e gli ospiti diventano più minacciosi. Bianchi opta così per un più prudente 4-5-1, lasciando in avanti il solo Di Nardo (da poco entrato in luogo di Maraschio), e cercando così di sfruttare eventuali ripartenze. Al minuto 81 si rinnova il duello tra Sabatini e D'Ettorre, e ancora una volta è il portiere di casa a uscirne vincitore. Sul capovolgimento di fronte, una ghiotta occasione per chiudere la partita capita sui piedi di Di Nardo, ma l'attaccante neo-entrato fallisce l'appuntamento con il gol "steccando" la conclusione a rete. Due minuti più tardi Chichiriccò, ex della partita, raggiunge anzitempo gli spogliatoi rimediando il secondo giallo per un fallo di mani, e lasciando quindi gli ospiti in inferiorità numerica.
Sullo scadere, attimi di paura per il portiere D'Ettorre, che cade a terra privo di sensi. Gioco fermo per alcuni minuti e fiato sospeso in campo e sugli spalti, ma poco dopo è la stessa "saracinesca" viola a rialzarsi sulle proprie gambe e a riprendere il proprio posto, salutato dall'applauso dei presenti.
L'arbitro accorda infine ben 9 minuti di recupero, ma la sostanza non cambia: il triplice fischio scatena i festeggiamenti da parte dei padroni di casa, che corrono a ringraziare il proprio pubblico.
Con la vittoria odierna, la Folgore "accorcia" sensibilmente la classifica nei piani alti arrestando di fatto la prima mini-fuga del Passo Cordone, da questa sera distante solamente 2 lunghezze in classifica.






















0 commenti:

Posta un commento

Sponsor

Powered by Blogger.

Sponsor

Popular Posts