domenica 23 novembre 2014

FOLGORE SAMBUCETO: D’Ettorre, Corneli, Alfini, Fusella (dal 15' st Di Bartolomeo), Briosci, Silvaggi (dal 28' st Di Serio), Fedele, Montagna, Maraschio, Di Nardo (dal 23' st Di Fazio), Vaccaro. A disposizione: Cauti, Salamone, Di Rito, Celso. Allenatore: Franco Bianchi.

SCAFA: Toppi A., D'Angelo, Basile, Miggiano, Sciarretta (dal 8' st Toppi G.), Di Francesco (dal 42' st Paolini), Mazzocca (dal 17' st Evangelista), Mastrodicasa E., Ortolano, Pugliese, Lupoletti. A disposizione: Mastrodicasa A., Di Lallo, Mantenuto, Di Pietrantonio. Allenatore: D'Attilio

Arbitro: Adriano Baldassarre di Vasto
Reti: 19' pt e 35' st Maraschio, 34' pt e 11' st Di Nardo
Espulso: Miggiano per proteste
Ammoniti: Sciarretta e Toppi G. (S), Fedele (FS)

La Folgore, nonostante l'assenza dei due "fari" del centrocampo, Di Martile e Calabrese, riesce comunque a trovare la "luce" e a superare lo Scafa con un rotondo 4 a 0. Nonostante l'ampio punteggio finale a favore dei viola, gli ospiti, almeno nella prima frazione di gioco, si dimostrano squadra coriacea e ostica, a dispetto di una classifica fin qui deficitaria nel girone B. Mister Bianchi sopperisce alle pesanti assenze in mediana optando per un 4-3-3 con Fedele, Montagna e Fusella a centrocampo, e Vaccaro e Di Nardo esterni molto alti, quasi in linea con il centravanti Maraschio.
La prima occasione pericolosa del match porta la firma dello Scafa, che al minuto 15 si presenta dalle parti di D'Ettorre con Lupoletti: il numero 11 si invola in area dalla sinistra e spara però sull'esterno della rete, dando solamente l'impressione del gol.
Quattro minuti dopo sono però i viola a passare in vantaggio con il bomber Maraschio. L'azione parte dai piedi di Di Nardo, che salta un uomo in area sulla destra e poi serve al centro un pacco regalo già confezionato per l'accorrente Maraschio: il numero 9 di Bianchi non deve far altro che scartarlo spingendo la palla nel sacco e siglare così la rete che spacca il match.
Al 27esimo ci riprovano gli ospiti sugli sviluppi di un calcio piazzato: Miggiano, appostato sul secondo palo, manca di un soffio la deviazione vincente sullo spiovente proveniente dalla sinistra.
Il secondo "brivido" della partita risveglia quindi la Folgore dall'iniziale "torpore", e pochi minuti dopo i padroni di casa trovano il raddoppio. Di Nardo recupera una sfera dal limite e poi si esibisce in uno stop con destro al volo che si insacca all'angolino basso alla destra di Toppi per il 2 a 0 che di fatto chiude la prima frazione di gioco.
Al rientro dagli spogliatoi la formazione guidata da mister Bianchi, forte anche del doppio vantaggio, prende in mano le redini dell'incontro e già dopo 5 minuti colpisce il primo legno della giornata su tiro di Fedele.
All'undicesimo i padroni di casa arrotondano ancora il punteggio a coronamento di una splendida azione: Maraschio di testa spizzica un pallone servendolo sulla destra per Fedele. Il centrocampista viola pennella un ottimo cross per la testa di Di Nardo, che sigla così la sua personale doppietta per il parziale 3 a 0. Al minuto 73 i viola "pareggiano" il numero di pali rispetto al punteggio fino a quel momento acquisito; prima il capitano Briosci, ben servito da Vaccaro, spara un missile da fuori area che si infrange sul palo opposto, poi lo stesso Vaccaro, sugli sviluppi dell'azione, trova il miracolo dell'estremo difensore ospite, che devia nuovamente la sfera sul legno alla sua destra.
All'ottantesimo la formazione di Sambuceto si porta sul 4 a 0 con Maraschio, che "imita" il suo compagno di reparto Di Nardo, e porta a due le marcature personali con un colpo di testa sugli sviluppi di un calcio piazzato dalla destra.
Al termine dell'azione del quarto gol, lo Scafa rimane in dieci per il rosso diretto del direttore di gara Baldassarre sventolato in faccia a Miggiano per proteste.
La partita si avvia quindi verso il finale, ma prima del triplice fischio c'è da segnalare il quarto legno colpito dalla squadra di casa: uno spiovente da fuori area di Montagna, a pochi minuti dal termine, si infrange infatti sulla traversa a portiere ospite battuto.
In virtù del risultato odierno, la Folgore sale in classifica a quota 24, e aggancia il Castello 2000 in terza posizione, mentre lo Scafa resta in penultima piazza davanti al Lauretum.















0 commenti:

Posta un commento

Sponsor

Powered by Blogger.

Sponsor

Popular Posts