sabato 3 gennaio 2015

Auguri e auspici per il 2015 del direttore generale della Folgore, Augusto di Francesco: «Con i risultati ottenuti fin qui, abbiamo quasi il dovere di provarci fino alla fine non solo per i playoff»

Dopo aver chiuso lo scorso anno solare con il botto, con la bella vittoria alla Cittadella dello Sport sulla quotata Virtus Ortona, la Folgore inaugura il 2015 con il morale alto e all'insegna di una rinnovata fiducia nei propri mezzi. Forte dell'attuale primato in classifica in coabitazione con la Val di Sangro, condito dall'imbatibilità stagionale (sia in campionato che in coppa), la compagine di Sambuceto guarda infatti al nuovo anno alzando l'asticella dei propri obiettivi, come si evince dalle stesse parole di Augusto Di Francesco, direttore generale dei viola: «Sono molto contento della vittoria ottenuta nell'ultimo impegno del 2014, e con questi risultati - sottolinea l'ex presidente della Folgore - abbiamo quasi il "dovere" di provarci non soltanto in ottica playoff. I verdetti del campo fino a questo momento sono stati migliori anche rispetto alle nostre stesse aspettative di inizio stagione, quindi ritengo giusto provare fino alla fine a lottare anche per il vertice del campionato».
Gli auspici per il nuovo anno coincidono anche con un breve bilancio del 2014 appena conclusosi, e l'attuale dg della compagine di Sambuceto è pronto anche a dare un voto alla sua "creatura", guidata con grande merito da presidente nello scorso triennio: «Considerando nell'insieme squadra, società, staff e organizzazione, credo che la Folgore meriti un bel 9. L'impegno profuso da parte di tutte le componenti in causa - aggiunge Di Francesco - è stato davvero notevole, e soprattutto la "programmazione" avviata lo scorso anno ha iniziato a dare i suoi primi frutti».
Come si evince dalle stesse parole del direttore generale, il concetto di "gruppo" in tutte le sue accezioni, si sta rivelando uno dei punti di forza a Sambuceto. E questo sia per quanto riguarda la compattezza di tutti, che per ciò che concerne la stessa rosa a disposizione di mister Bianchi; le eventuali assenze, anche importanti, di giocatori chiave, sono state sopperite alla grande dalle ottime prestazioni di coloro i quali sono scesi in campo domenica dopo domenica: «A dicembre abbiamo cercato di migliorare la rosa con l'obiettivo di dare nelle mani dell'allenatore un gruppo di 18 "titolari". Alla luce di ciò, siamo in grado di far fronte anche ad assenze di spessore, per motivi disciplinari o di salute, con giocatori altrettanto validi. Solamente per citare i casi più recenti, nell'ultimo mese di campionato abbiamo ad esempio dovuto fare a meno per infortunio del centrocampista Calabrese e del centravanti Maraschio, e nonostante ciò la squadra ha ottenuto ottimi risultati».
Dopo sedici incontri disputati nel girone B di Promozione, Di Francesco è pronto anche a svelare i nomi delle squadre, già incontrate dalla Folgore, dalle quali è rimasto maggiormente colpito: «Credo che la Virtus Ortona sia un'ottima squadra, sia a livello tecnico e atletico, che di organizzazione. In ogni caso continuo a ritenere la Val di Sangro un gradino sopra tutte le altre per lo spessore dei giocatori a disposizione, anche se sappiamo tutti bene che la qualità dei calciatori non è l'unico parametro in gioco per vincere un campionato».
L'ultimo impegno per la Folgore, prima del giro di boa di metà stagione, è la trasferta contro la Valle del Foro, recentemente posticipato, di comune accordo tra le due società, a martedì 6 gennaio alle ore 14 e 30: «Insieme alla dirigenza della Valle del Foro abbiamo deciso di posticipare l'incontro al giorno dell'Epifania. Questo - spiega il direttore generale della squadra di Sambuceto - per permettere al campo di Ripa Teatina di essere il più adatto possibile a una partita di calcio, anche alla luce delle condizioni meteo avverse degli ultimi giorni. Martedì ci aspetta comunque una partita molto impegnativa contro una buona squadra. Hanno migliorato il loro assetto e vengono da diversi risultati positivi, quindi prevedo una sfida difficile».
La chiusura, per il dg Di Francesco, è ovviamente dedicata agli auguri per il 2015: «Auguro un buon e sereno 2015 a tutti gli sportivi e a tutte le squadre impegnate nei vari campionati. In particolare il mio augurio è per tutti i dirigenti delle società, che fanno sacrifici enormi per portare lo spettacolo del calcio la domenica nei vari campi».

0 commenti:

Posta un commento

Sponsor

Powered by Blogger.

Sponsor

Popular Posts