mercoledì 6 maggio 2015

L'attaccante Bucceroni, vera e propria "bestia nera" per la Virtus Ortona, è euforico per la stagione in viola: «Dedico la vittoria a chi ha creduto in me e a mio nonno che ho perso un anno fa» 

Nell'ultima di campionato ha incontrato per la terza volta quest'anno (due con la Folgore e una con il Fara San Martino, sua ex squadra) la Virtus Ortona, e per la terza volta consecutiva è andato a segno.
Luca Bucceroni in questa stagione è diventato un vero e proprio "incubo" per la compagine ortonese: «È vero», esordisce il jolly d'attacco classe 1988, «quest'anno ho affrontato l'Ortona per tre volte segnando in tutte le sfide; ma, cosa più importante, in tutti e tre i casi abbiamo sempre vinto, quindi, statistiche alla mano, pare proprio che i gialloverdi siano la mia "vittima" preferita».
 Fino a questo momento Bucceroni ha totalizzato 12 reti in campionato, 8 delle quali con la casacca viola (e quattro a Fara San Martino, giocando da centrocampista) e spesso è stato scelto da mister Bianchi nel ruolo di punta, facendosi trovare sempre pronto: «Mi sono trovato bene in questa posizione. Giocare con Simone Di Nardo e con gente che sa giocare a calcio lì davanti è molto più facile. Nonostante non sia una prima punta a tutti gli effetti, mi sono trovato comunque a mio agio, e questo grazie anche ai miei compagni».
 Ripercorrendo quanto fatto durante il corso del campionato che volge ormai al termine, tra i gol segnati, il numero 9 della Folgore ricorda «La tripletta segnata proprio contro la mia ex squadra, il Fara San Martino, e in particolare uno dei gol realizzato con un bel tiro di sinistro».
 A livello di emozioni vissute in una sola partita, il primo pensiero di Bucceroni è rivolto immediatamente alla sfida di Cepagatti contro il Passo Cordone: «La partita più bella di quest'anno è stata sicuramente quella di ritorno con il Passo Cordone: lì ci siamo giocati gran parte del campionato e abbiamo messo la prima vera ipoteca sulla vittoria finale. Ricordo con piacere quella sfida perché, entrando dalla panchina, ho servito l'assist a Di Nardo per il gol-vittoria allo scadere».
 Per il jolly offensivo è poi tempo di bilanci e di dare i voti alla propria squadra per quanto mostrato in questa stagione: «Come società, in un periodo di crisi come questo, posso dire che qualcosa che somigli anche lontanamente alla Folgore sia davvero difficile da trovare in giro; per questo il mio voto alla famiglia viola non può che essere 10 con lode. Sono stato davvero fortunato ad arrivare qua».
Grande umiltà, invece, passando alla propria autovalutazione: «Personalmente sono soddisfatto, e non potrebbe essere altrimenti perché abbiamo vinto il campionato, ma credo che si possa sempre migliorare, e questo resta un mio obiettivo fisso. Probabilmente avrei potuto segnare qualche gol in più, ma ho cercato di compensare questa "mancanza" con una gli assist, una decina, forniti per i miei compagni».
L'analisi del girone B di Promozione non può prescindere però dall'annoverare la squadra che più lo ha colpito durante il campionato: «L'avversario che mi ha più impressionato è stato Il Delfino Flacco Porto; sia a livello atletico che come organizzazione di gioco mi hanno davvero colpito: correvano e facevano sovrapposizioni fino al novantesimo».
Luca Bucceroni si è rivelato un vero e proprio "talismano" per la propria società di appartenenza, e negli ultimi due anni è riuscito a centrare l'impresa del "doppio salto" dalla Prima Categoria all'Eccellenza. L'anno scorso, a Fara San Martino, ha infatti trascinato i suoi alla conquista della Promozione mettendo a segno ben 27 reti, mentre quest'anno ha contribuito alla scalata all'Eccellenza della Folgore. L'ultimo pensiero del jolly è quindi riservato a una particolare dedica: «Vorrei dedicare la vittoria di questo campionato a tutte le persone che hanno creduto in me, e soprattutto», conclude Bucceroni, «a mio nonno Pino che ho perso proprio l'anno scorso».
L’ultima gara del campionato 2014-2015 della Folgore (prima della Coppa Mancini) è in programma in anticipo sabato 9 maggio alle ore 15 alla Cittadella dello Sport contro la Valle del Foro.
L’ingresso alla partita sarà gratuito, con la società viola che ha deciso di rendere omaggio ai propri tifosi visto il trionfale esito del campionato

0 commenti:

Posta un commento

Sponsor

Powered by Blogger.

Sponsor

Popular Posts